testata pisa

Molti credono che la Torre Pendente e Piazza dei Miracoli siano le uniche attrazioni di Pisa. Niente di più sbagliato!

Piazza dei Miracoli è in realtà solo il magnifico punto di partenza (o di arrivo, dipende dai gusti di ognuno) di una straordinaria città d’arte, che può essere veramente ammirata soltanto vivendola per almeno tre giorni pieni. Il tour della Piazza, ad esempio, dovrà sì prevedere la visita di Cattedrale, Battistero, Camposanto monumentale, Museo dell’Opera del Duomo e Museo delle Sinopie, ma non potrà dirsi davvero completo senza una visita anche dell’adiacente, antico Orto Botanico.

Il centro storico

Raggiungere i Lungarni, con la loro luce magica in ogni ora del giorno (soprattutto al tramonto), è una piacevolissima fatica per chi voglia seguire un percorso che da Via Santa Maria introduce alla antica Chiesa di San Sisto in Cortevecchia, alla cinquecentesca Piazza dei Cavalieri disegnata da Giorgio Vasari come una cittadella del potere fiorentino sulla città, fino ai portici del cuore medievale della città (Borgo Stretto, Piazza delle Vettovaglie) ancor oggi vitalissimo luogo di ristoranti, locali, negozi proprio a ridosso della sede storica dell’Università di Pisa, fondata nel 1343.

I Lungarni e le Piagge

La cosa più difficile è decidere quale sia il più bel Lungarno di Pisa.
Se quello di Tramontana (nord), che dalla Cittadella con la Torre Guelfa arriva fino al Ponte della Fortezza, dopo aver ammirato Palazzo Reale, Palazzo Agostini, Piazza Garibaldi e il Museo di San Matteo, una delle collezioni d’arte più interessanti presenti a Pisa.
Oppure è meglio quello di Mezzogiorno (sud), che partendo dalla Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno arriva alla Chiesa della Spina per proseguire con Palazzo Blu (sede di importanti mostre), la Chiesa di Santa Cristina, Piazza XX settembre, la Chiesa del Santo Sepolcro, Palazzo Lanfranchi (sede del Museo della Grafica) e arrivare al Giardino Scotto, magnifico spazio per famiglie, recentemente restaurato.
Sì, prima di decidere qual è il più bel Lungarno di Pisa, è necessario percorrerli entrambi.
E non si può dire di conoscere davvero Pisa se non si prosegue il tragitto lungo il fiume Arno fino al parco urbano delle Piagge, uno spazio verde lungo due chilometri dove i pisani amano passeggiare, correre e andare in bicicletta. Al centro del parco si trova il nuovo centro espositivo SMS, realizzato nel chiostro della Chiesa di San Michele degli Scalzi, il cui campanile è pendente assai più della Torre!

Tuttomondo di Keith Haring

Ripartendo da Ponte di Mezzo si percorre Corso Italia – la via dello shopping, con tanti negozi, offerte ed occasioni – e si arriva al murale Tuttomondo, capolavoro di Keith Haring, realizzato dall’artista americano, icona della pop art, nel 1989, pochi mesi prima di morire.
E non pensate di aver concluso qui la vostra visita a Pisa!

Pisa segreta

C’è infatti un itinerario “segreto” che pochi turisti conoscono e che invece rappresenta la vera “anima” di questa città. Parte da Piazza dei Miracoli, attraversa Piazza Arcivescovado, prosegue per Via Cardinale Maffi, arriva ai cosiddetti “Bagni di Nerone”, in realtà resti delle terme romane, si concede una divagazione fino a San Zeno, per tornare poi a Piazza Santa Caterina, Piazza San Francesco, Piazza di San Paolo all’Orto, la Chiesa di San Pierino in Piazza Cairoli (che tutti i pisani continuano a chiamare Piazza della Berlina), attraversa l’Arno su Ponte di Mezzo, segue Via San Martino e si conclude in Piazza Chiara Gambacorti, per i pisani Piazza della Pera.

Al mare!

Pisa è un’antica Repubblica marinara, che non ha perso il suo legame con il mare. Anzi, il Litorale Pisano, con le sue località balneari di Marina di Pisa (con il nuovo porto turistico), Tirrenia e Calambrone, premiate con la bandiera blu,Il è adatto per famiglie, per chi desidera una vacanza lontana dalla folla, tra la pineta e il mare, all’insegna di natura, sport e benessere. Tutto l’anno. A metà strada tra la città e il mare merita infine una visita la basilica romanica di San Piero a Grado.

Il parco di San Rossore

Il Parco naturale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli si trova in Toscana, fra le province di Pisa e Lucca, a pochi chilometri dalla Torre Pendente e dalla Versilia, vicino alle città d’arte e cultura di Firenze, Siena, Volterra e San Gimignano.
Si estende lungo oltre 20 chilometri di costa affacciata sul mare Tirreno (da Viareggio a Marina di Vecchiano, da Marina di Pisa fino a Tirrenia e Calambrone) e la presenza di fiumi, stagni, laghi, canali e zone umide permettono di conoscere e vivere un’eccezionale varietà di ambienti naturali: boschi di pino domestico e marittimo, foreste igrofile, dune, macchia mediterranea, oltre a zone dedicate all’agricoltura e all’allevamento.
Oltre a numerose specie di uccelli, il Parco vanta una forte presenza di daini, cinghiali, volpi, istrici, ghiri, tassi e scoiattoli e tanti altri animali, che è molto facile incontrare lungo i sentieri e spesso nei pressi delle residenze.

Tutte le informazioni su Pisa e provincia sono sul sito ufficiale www.pisaunicaterra.it